Seleziona una pagina

La quarta edizione di O'festival è annullata

Cari musicisti, fotografi, illustratori, poeti, ballerini e attori, volontari e sostenitori.
A malincuore vi annunciamo che sospenderemo l’organizzazione della quarta edizione di O'festival previsto per il 5-6-7 giugno 2020.

I motivi sono importanti.

Il primo: come sapete O'festival è organizzata da noi commercianti di piccole attività del centro storico, in questo momento indeboliti e concentrati nel superare questa bruttissima situazione.

Il secondo: abbiamo grosse difficoltà organizzative in quanto in questo momento di restrizioni incontriamo molti impedimenti per organizzare in poco tempo un festival così articolato che coinvolge tantissimi artisti e ha un calendario molto fitto di iniziative, eventi, concerti e tanto altro.

Ci dispiace molto per le persone che si erano già rese disponibili ma ci teniamo a sottolineare di non perdersi d’animo e rimanere ottimisti!
Un caro saluto a tutti!

Il festival

O’festival Oderzo – La IV edizione

O’ FESTIVAL ODERZO è il primo festival dedicato alle arti organizzato nella piccola città sul fiume Monticano.
Promosso dal Comune di Oderzo e dall’associazione Foro’, vede la collaborazione delle scuole superiori, delle associazioni culturali locali, di appassionati e di professionisti che dedicheranno quattro giornate al festival in una formula aperta.

Tutte le sere, dal giovedì alla domenica, Piazza del Foro Romano sarà il teatro all’aperto della città, mentre nella giornata di domenica sarà l’intera città ad animarsi di eventi con musica, danza, fotografia e teatro sotto la regia attenta di Foro’.

Anche quest’anno l’iniziativa ha uno scopo benefico: tutti insieme per sostenere la Onlus TRQL che sta ultimando la raccolta fondi a favore della realizzazione del primo Parco Inclusivo capace di abbattere le barriere tra bambini e ragazzi con disabilità e normodotati. Insieme si sogna, insieme si gioca, insieme il parco sarà realtà.

5, 6, 7 GIUGNO 2020

Dall’alba al tramonto

DOVE
In Piazza Grande e nelle piccole piazze cittadine, nelle strade, nei vicoli, lungo il fiume della piccola città di Oderzo.
Comune di Oderzo Città Archeologica.

  • Coinvolgere la città, le attività commerciali e ristorative, rendendo partecipi e attivi cittadini e visitatori.
  • Sensibilizzare e sostenere il progetto di TRQL, Onlus locale, che sta ultimando la raccolta fondi per realizzare il primo vero Parco Inclusivo in provincia di Treviso, presso l’area Città di Pontremoli, a Oderzo.
  • Coinvolgere le scuole musicali del territorio e dare a decine di artisti la possibilità di esibirsi.
  • Promuovere attraverso i media tradizionali e digitali tutti gli attori coinvolti nell’evento (la città, i commercianti, gli artisti, i vari Istituti, TRQL Onlus, ecc.)
  • Consolidare, con una seconda edizione, una manifestazione che è unica nel suo genere, per contenuti, scenografia e qualità.
  • Posare un altro mattone di quella che, ci auguriamo, potrà essere un’esperienza capace di crescere nei prossimi anni.
  • Promuovere i luoghi di interesse storico e artistico della città.
  • Ma soprattutto, passare tutti insieme una giornata allegra e diversa, all’insegna della musica, delle arti e della collaborazione al fine di raggiungere un obiettivo per il bene comune.

CHI E CON CHI

NOI siamo un gruppo di volontari. Facciamo parte di Foro’, un’associazione che vede la partecipazione del comune di Oderzo e dei commercianti della città.
Le idee nascono dai sogni. Uno dei nostri sogni è la nascita di qualcosa che risvegli gli animi, i cuori e la nostra cittadina.
Teatro, danza, musica, fotografia raggruppano i sogni di persone diverse ma con un fine comune: la rinascita della nostra città e dello spirito collaborativo.

VOI sarete parte della nostra squadra. Sarete i protagonisti di questa giornata, quelli che renderanno possibile, insieme a noi, tutto questo.
Sponsor, musicisti amatoriali, Istituti musicali con i loro studenti e professori, fotografi, Scuole di danza e ballerini, Scuole superiori e, soprattutto, TUTTI Volontari, per dare una mano a chi ha un progetto ancora più grande di noi: TRQL Onlus.